20 ottobre, 2018
Home / Bellezza e Benessere / Allarme sole: con i primi raggi di sole rischio danni alla pelle
sole

Allarme sole: con i primi raggi di sole rischio danni alla pelle

Con l’avvicinarsi della bella stagione, l’allungarsi delle ore di luce e l’aumento delle temperature gli italiani si espongono volentieri ai primi raggi solari, ma tendono a farlo senza adottare una protezione adeguata, perché pensano erroneamente che il sole primaverile sia meno pericoloso di quello estivo. “Niente di più sbagliato” – dichiara Maria Grazia Caputo,medico estetico presso l’ambulatorio di medicina estetica dell’ospedale Fatebenefratelli – “facendo meno caldo ed essendo più ventilato, le persone sono portate a esporsi al sole per un tempo più lungo ma, se senza adeguati schermi protettivi, sono ugualmente a rischio di scottature, eritemi o comunque di tutti quei danni che il sole provoca durante l’estate, magari con esposizioni meno prolungate”.

“Il sole può quindi diventare un nemico della pelle, se durante l’esposizione ad esso non si osservano alcuni piccoli accorgimenti” – continua la Dottoressa Caputo – “al contrario, se ci si espone con criterio si possono ottenere degli ottimi benefici dei quali fa parte un azione positiva sull’umore o effetto antidepressivo: è innegabile che in alcuni paesi del Nord Europa in cui il sole è presente per un minor numero di ore della giornata, vi sia un più alto tasso di suicidi, rispetto ad un paese come l’Italia dove la luce solare caratterizza  gran parte della giornata e dell’anno. Oltretutto, il sole stimola la produzione di vitamina D indispensabile per l’assorbimento del calcio e, quindi, per la produzione del tessuto osseo; non ultima, l’efficacia su alcune patologie cutanee quali la dermatite seborroica o la psoriasi”.sole

Evitare quindi l’esposizione al sole nelle ore più calde della giornata, utilizzare occhiali da sole che avvolgano il viso in modo da proteggere anche dalle radiazioni riflesse e prepararsi all’esposizione assumendo almeno venti giorni prima degli integratori a base di antiossidanti, vitamine, radicali liberi oppure sostanze come licopene o luteina che per esempio ha un effetto protettivo anche sugli occhi. 

“Molti ritengono di poter preparare la pelleal sole con lampade abbronzantidichiara la Dottoressa – però probabilmente non sanno che con o senza filtri protettivi, esse vanno a danneggiare la pelle; infatti, i raggi UVAfavoriscono la produzione di radicali liberi che attaccano il Dna delle cellule e favoriscono quindi l’invecchiamento cutaneo. Quando la pelle si espone direttamente alla luce del sole mette in atto dei meccanismi di protezione e di difesa quali l’ispessimento della cute e l’aumento della produzione di melanina, che non vengono invece messi in funzione con l’esposizione a lampade solari, nel caso delle quali la melanina si accumula  solo in uno strato sottile nella profondità del derma, con un altissimo assorbimento di radiazioni, anche superiore a quanto avviene durante l’esposizione al sole. Pochi sanno, inoltre, che già da qualche anno, le lampade abbronzanti sono state vietate ai minori di 18 anni e alle donne in gravidanza”.

La Dott.ssa Caputo sottolinea di fare molta attenzione ad esporsi al sole nelle giornate nuvolose: “si tende a rimanere al sole per un tempo più lungo e  ad applicare meno schermi protettivi, pensando di non rischiare scottature; in realtà le nuvole lasciano comunque passare i raggi infrarossi che rappresentano quella parte di radiazioni solari che generano la sensazione di calore non avvertendo la quale si è portati ad esporsi per un tempo più prolungato senza considerare che, però, senza filtri solari adeguati ci si può scottare ugualmente. Inoltre, gli infrarossi, pur non danneggiando direttamente la pelle,  riscaldano l’organismo e, in seguito a periodi prolungati di esposizione, possono provocare disidratazione e, soprattutto nei bambini o in soggetti sensibili, anche il colpo di calore”.

Nel caso di scottature e danni lievi la Dott.ssa Caputo consiglia di applicare creme lenitive, idratare molto la pelle e detergerla con prodotti delicati non schiumogeni. Nel caso invece di scottature ed eritemi importanti e’ bene consultare il medico che poi prescriverà la terapia più opportuna.

Il sole accelera tutte le manifestazioni proprie dell’invecchiamento cutaneo: i raggi UVA raggiungono il derma danneggiando le fibre collagene ed elastiche ed alterano i meccanismi di produzione di melanina con conseguente comparsa di rughe e di macchie, in particolare nelle zone fotoesposte come il viso, il collo, il décolleté ed il dorso delle mani.

“Nel caso della comparsa di questi inestetismi ci si può rivolgere al medico estetico per sottoporsi a trattamenti mirati, siano essi peeling o trattamenti con apparecchiature Laser.” – spiega la Dott.ssa Caputo – “Tra queste molto efficace risulta essere il FRAXEL ( laser di nuova generazione in grado di determinare una rigenerazione profonda del tessuto), e di ottenere, oltre ad un ringiovanimento della pelle, anche una riduzione delle macchie solari che appaiono subito schiarite. La pelle appare rinnovata e rigenerata e l’effetto che si ha nel tempo è quello di una cute più giovane, più compatta, più tonica, più chiara e luminosa”.

Consigliato

Chirurgia maxillo facciale: il post operatorio

Le indicazioni terapeutiche degli interventi di chirurgia maxillo facciale sono numerose: questa particolare branca della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.