Quelli che praticano diete naturali hanno spesso sentito parlare di sostanze fitochimiche come tannini e flavonoidi e di come siano importanti e benefiche.  Ma in realtà che cosa sono queste sostanze?

Nelle piante non vi sono solo minerali e vitamine, ma una gamma di elementi che svolgono le loro funzioni. E le sostanze fitochimiche, altrimenti connotate come sostanze amare, sono benefiche per l’apparato digerente e il pancreas. Anche il fegato trae beneficio da loro.

Le sostanze fitochimiche danno elasticità alle membrane della mucosa nell’apparato digestivo. Le ghiandole digestive vedono diminuire la loro funzionalità con gli anni e proprio in questo caso le sostanze amare possono essere un gran supporto.

Le sostanze fitochimiche hanno proprietà eccellenti per la salute e sono usate in molte pratiche di guarigione etniche. Aiutano gli organi digestivi e calmano l’appetito oltre che “ammortizzare” il desiderio di dolci.

Le sostanze amare aiutano la circolazione, calmano i nervi e combattono l’affaticamento. Tra le piante di sostanze amare più comuni ricordiamo: la camomilla, il carciofo, il dente di leone, il tarassaco.

I flavonoidi

I flavonoidi sono una varietà di sostanze chimiche di origine naturale. Le piante che contengono queste sostanze sono usate dal genere umano da secoli per curare.

Oggi hanno ricevuto attenzione anche dal mondo scientifico, tanto che, ad esempio, i  flavonoidi che si trovano nel sedano, vengono studiati nelle cure contro il cancro; la rutina, flavonoide che si trova nell’ippocastano, viene utilizzata per l cura venosa; quelli contenuti nel biancospino influiscono sull’attività del cuore e i flavonoidi della betulla sono benefici per la salute di reni e della vescica.

Detti anche polifenoli, sono antiossidanti e per questa loro caratteristica intervengono positivamente nelle cure antinfiammatorie, per migliorare la circolazione e per rallentare l’invecchiamento dei tessuti.

Ad essere ricchi di flavonoidi sono le verdure a foglia verde come gli spinaci e il basilico.

I tannini

I tannini hanno la particolare proprietà di avere un effetto astringente, proprietà di cui ci si serve per la lavorazione del cuoio. Ma non solo: possono essere utilizzati anche per uso interno.

Sono benefici per la salute della mucosa intestinale e per alleviare la diarrea. Se utilizzati esternamente, sono ottimi abbronzanti, o utili per le infezioni gengivali, per le malattie della pelle o per le ulcere, proteggendole dai batteri e dalle tossine

I tannini sono localizzati nelle cortecce e nelle radici delle piante; tra le piante più note che li contengono ricordiamo la quercia e la tormentilla.

Molti sono gli ingredienti vegetali che aiutano la salute o favoriscono il suo recupero. Spesso non serve  il singolo elemento, ma l’intero impianto nutritivo della pianta.

Gli ingredienti si completano a vicenda e ognuno di essi ha benefici specifici per la salute, e insieme non gravano sui sistemi digestivi dell’organismo.

Queste raccomandazioni valgono anche per il cane che da una dieta equilibrata, supportata da specifici elementi vegetali può trarre solo benefici.

Arricchire l’alimentazione del cane con le giuste sostanze vegetali, che ne proteggono l’intestino, che ne aiutano la digestione, che ne rafforzino le difese immunitarie, è un atto di amore verso di lui.

CANIS EXTRA MILLE ERBE BIOLOGICHE, da il giusto supporto e la giusta integrazione di erbe benefiche.

Integrare l’alimentazione del cane con questo prodotto significa proteggere il proprio cane  e, in caso di convalescenza da qualunque patologia, significa favorire la sua ripresa.

Se vi sono dubbi sulla bontà di questa miscela di erbe, potete sempre informarvi meglio, approfittando dei consulenti di Naturavetal, che possono fugare qualsiasi dubbio e dare informazioni preziose sull’uso del prodotto.

Il prodotto è completamente naturale, senza additivi chimici o sostanze artificiali che possano nuocere alla salute del cane.

Fonte: www.waterworldsons.it