14 agosto, 2018
Home / Alimentazione / Quali alimenti contengono sale?
Quali alimenti contengono sale?

Quali alimenti contengono sale?

Al giorno d’oggi, con consumatori sempre più attenti alle etichette dei cibi che acquistano, è facile vedere prodotti venduti in versione normale e con meno sale.

Questo perché ormai è risaputo che un eccessivo apporto di sale nella dieta provoca più danni che benefici, quest’ultimi che spesso terminano con la fine del pasto.

Il sale è “subdolo” e non è facile regolarsi, ma per evitare problemi di pressione alta e ulteriori conseguenze, bisogna cercare di limitarne l’assunzione.

Purtroppo eliminare totalmente il sodio dalla cucina è impossibile, alcuni alimenti lo contengono già naturalmente, quindi l’unica cosa che possiamo fare noi è non aggiungerne di ulteriore. Ma quali sono questi alimenti pieni di sodio?

Salsa di Soia, Salumi e Formaggi

Volendo entrare più nello specifico, ci sono alcuni alimenti il cui contenuto di sodio è molto elevato, come la salsa di soia. Solitamente un condimento non proprio facente parte della dieta mediterranea, ma il suo utilizzo in questi ultimi anni è in crescita.

Sul mercato si trova la versione con meno sale di diverse marche (circa 10 grammi per 100 ml di salsa, contro quasi il doppio di quella normale), quindi sarebbe da preferire a quella normale.

Poi c’è il capitolo insaccati. Praticamente tutte le carni trasformate, quindi salumi e insaccati, contengono un elevato apporto di sale. Mangiarne con moderazione è sicuramente una scelta salutare per il nostro organismo.

Altra nota dolente sui cibi da limitare, e per noi italiani potrebbe essere un problema, è quella sui formaggi, soprattutto stagionati.

Vero è che la quantità di sodio presente non è pericolosa, inoltre dobbiamo considerare che le quantità ingerite sono solitamente minime e a fine pasto, ma proprio per questo, un’aggiunta di sodio dopo aver giù mangiato un pasto completo, non è la più saggia delle scelte.

La quantità giornaliera di sale

Ma facciamo qualche numero. Per quanto riguarda la quantità di sale che possiamo assumere senza problemi durante il giorno, l’OMS ha stabilito che questa quantità equivale a 5 grammi di sale da cucina, che ne contengono 2 di sodio.

Il fabbisogno del nostro organismo, infatti, è di appena 1 grammo di sodio al giorno e i problemi iniziano quando la nostra dieta ne abusa.

Sfortunatamente infatti, l’italiano medio assume circa 10 grammi di sale ogni giorno, una quantità che può portare a grossi problemi di salute.

Una vita “di corsa” potrebbe paradossalmente portare a un consumo maggiore di sale rispetto a una vita più tranquilla (mi raccomando però, tranquilla non vuol dire sedentaria!).

Dover fare le cose in fretta, avere poco tempo per mangiare o arrivare stanchi a casa e non aver voglia di cucinare fa sė che si cada spesso in tentazione, mangiando così cibi confezionati o andando a mangiare fuori.

I ristoratori lo sanno: un cibo saporito fa tornare il cliente, quindi un piatto di pasta mangiato al ristorante avrà sicuramente più sale di quanto non ne potremmo mettere se cucinassimo noi.

Lo stesso vale per i cibi confezionati. I conservanti utilizzati spesso contengono sodio, quindi questi contribuiscono in maniera sostanziale sull’apporto giornaliero.

Semplici consigli per ridurre il sale

Per diminuire il sale, quindi, serve un po’ di attenzione e qualche piccolo accorgimento.

Innanzitutto, togliere la saliera dal tavolo. Sembra un consiglio sciocco, ma non averla a portata di mano aiuta a non cadere in tentazione.

Poi ricordiamoci di salare poco i cibi durante la preparazione. La pasta saliamola a fine cottura, ahimè, invece che durante la cottura.

Poi possiamo usare misti di spezie, o anche limone e aceto per dare sapidità agli alimenti, senza disturbare la saliera.

Infine limitare i cibi di cui parlavamo prima: meno prodotti confezionati, meno carni trasformate, più frutta e verdura fresca.

E voi, sapete resistere alla tentazione di salare i cibi?

Consigliato

dieta ipoglicemica senza zucchero

Aspartame, stevia, agave e simili: come non naufragare in un mare di offerte

Lo zucchero negli ultimi tempi è oggetto di critiche sempre più accese. Ad esporsi è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.