17 novembre, 2018
Home / Medicina / Paracetamolo, ergo Tachipirina

Paracetamolo, ergo Tachipirina

Storia del farmaco senza obbligo di ricetta più venduto in Italia

Tra i farmaci a base di paracetamolo, la Tachipirina è senza dubbio il più famoso. Sebbene sia conosciuta principalmente come antinfluenzale (per le sue proprietà antipiretiche), la Tachipirina è anche un efficace antidolorifico e proprio questa sua duplice azione la rende ormai indispensabile nelle case degli italiani. Non possiamo quindi stupirci se, anche nel primo semestre del 2015, è il farmaco senza obbligo di ricetta medica più venduto in Italia. Secondo la classifica stilata dal Ministero della Salute, la Tachipirina “500 mg compresse” risulta infatti al primo posto tra i 50 farmaci Otc (da banco o di automedicazione) e Sop (senza obbligo di prescrizione) più venduti alle farmacie aperte al pubblico e agli esercizi commerciali. Si tratta di un primo posto conquistato con ben 2,6 milioni di confezioni vendute, senza contare poi che anche gli altri formati di questo medicinale occupano le prime posizioni.

tachipirina

Un principio attivo efficace

Il grande successo riscosso dalla Tachipirina è da imputarsi al ruolo chiave del suo principio attivo, appunto il paracetamolo (acetaminofene). Il paracetamolo fu sintetizzato per la prima volta nel 1878 da Harmon Nothrop Morse e rivelò ben presto due vantaggi fondamentali rispetto ai suoi precursori: nessuna tossicità e una maggiore facilità di sintetizzazione. Inoltre, rispetto ai Fans (farmaci antinfiammatori non steroidei), non presenta gastrolesività né nefrotossicità. Le proprietà antipiretiche e analgesiche del paracetamolo vengono scoperte nel 1893 e a partire dal 1949 questo principio attivo inizia ad essere utilizzato come farmaco a tutti gli effetti (nello specifico, viene reso disponibile su prescrizione medica nel 1956 e poi come un farmaco da banco nel 1963).

Gli effetti e i benefici dell’assunzione di paracetamolotachipirina-500-mg-cpr

Ancora oggi non si conosce perfettamente l’esatto meccanismo d’azione del paracetamolo. Si ritiene che il paracetamolo riduca la produzione di prostaglandine (le sostanze chimiche che scatenano l’infiammazione), ma permane il dibattito sul suo sito primario di azione. Sono tuttavia ben noti gli effetti di questo principio attivo in un farmaco come appunto la Tachipirina, che risulta efficace per il trattamento di emicrania, mal di testa dovuto a tensione, dolori muscolari, dismenorrea, artrite, mal di schiena, mal di denti, raffreddori e febbri. Il paracetamolo allevia anche il dolore da artrite lieve, ma non ha alcun effetto sulla sottostante infiammazione e gonfiore dell’articolazione. Al contrario di quanto accade per altri medicinali, è raro che si manifestino effetti collaterali in seguito all’assunzione, tuttavia è fondamentale rispettare il dosaggio consigliato (quello riportato sul bugiardino della confezione di Tachipirina o indicato dal proprio medico curante). Si segnala inoltre che l’uso di paracetamolo sembra essere d’aiuto per proteggere sia dall’indurimento delle arterie (grazie all’inibizione dell’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità che trasportano il colesterolo “cattivo”), sia dal carcinoma ovarico.

La Tachipirina si conferma oggi come un farmaco efficace contro il dolore, anzi come l’analgesico senza prescrizione medica per eccellenza. L’ascesa di questo farmaco in Italia, iniziata già nel 1960 grazie ai nascenti timori sugli effetti collaterali di aspirina e Fans all’intestino, è quindi tuttora in crescita. Il suo successo è dovuto proprio al fatto che è considerato da sempre come un medicinale efficace ed economico, ma soprattutto con un valido un principio attivo.

Consigliato

Gravidanza e Toxoplasmosi: a cosa fare attenzione?

Gravidanza e Toxoplasmosi: a cosa fare attenzione?

La Toxoplasmosi è una delle maggiori preoccupazioni per le donne in gravidanza. Ma cosa si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.