Home / Medicina / Corpo / Bocca / Come pulire gli impianti dentali: i consigli degli specialisti

Come pulire gli impianti dentali: i consigli degli specialisti

L’introduzione di metodologie e strumenti sempre meno invasivi e causa di disagio per il paziente ha reso i trattamenti di implantologia dentale interventi veloci, sicuri e, soprattutto, risolutivi.
A seconda del numero di denti da sostituire e delle condizioni delle arcate mascellari, possono essere indicate tecniche diverse. L’intervento, tuttavia, si basa sempre sull’inserimento di una vite in titanio (l’impianto) direttamente nel tessuto osseo. La radice artificiale creata in questo modo fa quindi da supporto alla protesi dentale vera e propria, generalmente realizzata in ceramica.

Gli impianti dentali presentano molti vantaggi: il paziente, in tempi brevi, recupera la piena funzione masticatoria ed un sorriso impeccabile dal punto di vista estetico. In più, con le giuste attenzioni, le protesi realizzate in questo modo non vanno ad intaccare in alcun modo i denti sani, assicurano una perfetta tenuta nel tempo e minimizzano il pericolo di complicanze.

La corretta manutenzione degli impianti dentali

Prendersi cura del proprio sorriso dopo essersi sottoposti ad un intervento di implantologia dentale non richiede sforzi particolari, se non una buona costanza nella routine di igiene orale e una scrupolosa attenzione ai consigli del dentista.

Esistono una serie di regole generali che contribuiscono a mantenere in perfetto stato gli elementi dentali protesici e ad evitare il pericolo di infiammazioni gengivali o, addirittura,di perdita delle protesi, tra cui:

  • utilizzare i denti solo per la masticazione e mai per sorreggere oggetti o compiere altre azioni;
  • avvertire il proprio dentista qualora si avesse il sospetto di soffrire di bruxismo (digrignare involontariamente i denti può danneggiare la protesi);
  • evitare di fumare, per non compromettere la salute delle gengive e del cavo orale.

L’aspetto più importante, tuttavia, rimane quello relativo alla pulizia degli impianti dentali: la placca, ovvero il film di microrganismi che si forma sulla superficie di denti e gengive al termine di ogni pasto, rappresenta il problema principale per le persone che montano protesi dei denti.

Igiene orale domestica

La placca, che con il tempo può dare luogo ad antiestetiche concrezioni di colore scuro (il tartaro), può essere causa di gravi infezioni a livello del tessuto osseo e gengivale. Inoltre, il suo accumulo tende ad alterare il colore dei denti, sia naturali che protesici, intaccandone la struttura e rovinandone l’aspetto.

Fortunatamente, per ovviare a questo problema, è sufficiente osservare le regole di una corretta igiene orale:

  • pulire i denti dopo ogni pasto;
  • spazzolare per almeno 2 minuti;
  • utilizzare un dentifricio poco abrasivo;
  • pulire sia la faccia interna che quella esterna di tutti i denti, senza trascurare la superficie di masticazione;
  • utilizzare solo movimenti verticali dalle gengive verso i denti (per evitare di spingere microrganismi e residui dei pasti verso gli spazi gengivali).

Lo spazzolino manuale è indicato anche per la pulizia degli impianti dentali. Tuttavia è importante utilizzare uno spazzolino:

  • dotato di testina di piccole dimensioni;
  • con setole artificiali dritte e dal profilo arrotondato (poco abrasive);
  • in buone condizioni.

In alternativa, è possibile ricorrere allo spazzolino elettrico, ottimo per rimuovere a fondo la placca.
In questo caso, si raccomanda di non esercitare una pressione troppo intensa contro i denti durante la pulizia, onde evitare di danneggiare la superficie in ceramica delle protesi.

Per completare la routine di igiene orale, è fondamentale pulire anche gli spazi tra dente e dente e tra protesi e gengiva.
A questo scopo, è possibile ricorrere a:

  • filo interdentale (in commercio esistono varianti studiate appositamente per la pulizia degli elementi protesici, dotate di capo rigido);
  • spazzolino sulculare;
  • spazzolino monociuffo;
  • scovolino;

Inoltre, quando la pulizia risulta troppo complessa o poco efficiente anche con il ricorso ad uno di questi strumenti, è possibile utilizzare l’idropulsore: questo particolare apparecchio permette di effettuare un’accurata igiene di tutti gli spazi interdentali sfruttando un fine getto d’acqua. La pressione del getto deve essere regolata sul minimo per la pulizia degli impianti dentali, per evitare di provocare lesioni alle gengive.
Per completare la pulizia dei denti e degli impianti dentali, può essere utile effettuare anche un risciacquo energico con un collutorio.

Trattamenti di igiene orale professionali

La presenza di protesi in bocca crea inevitabilmente spazi difficili da raggiungere e nei quali la placca tende ad accumularsi rapidamente.
Anche per questo motivo, per prendersi cura degli impianti dentali è indispensabile sottoporsi almeno un paio di volte all’anno ad un trattamento di pulizia dei denti professionale. L’igienista dentale provvede all’ablazione del tartaro e, inoltre, può fornire al paziente utili indicazioni circa gli strumenti più adatti per l’igiene orale quotidiana e le loro modalità d’uso.

Controlli periodici e sintomi da non sottovalutare

Gli interventi di implantologia dentale prevedono un percorso di follow up che normalmente si prolunga per diversi mesi: nel corso delle visite di controllo, l’odontoiatra verifica il corretto esito dell’operazione, nonché lo stato di salute di gengive e ossa mascellari.

Il paziente sottoposto a implantologia, periodicamente, dovrebbe effettuare un auto-esame della bocca, per controllare lo stato della protesi e le presenza di eventuali infiammazioni, gonfiori o sanguinamenti della gengiva.
In presenza di tali sintomi, specie se accompagnati da dolori e da febbre, occorre consultare tempestivamente lo specialista: le infezioni localizzate a livello degli impianti, dette anche perimplatiti, possono compromettere il tessuto osseo che circonda le viti in titanio, portando ad un suo riassorbimento e, di conseguenza, alla caduta dell’impianto.

Per scongiurare questo pericolo, occorre attenersi con scrupolo alle indicazioni del proprio dentista, non sottovalutare mai i sintomi insoliti e osservare una corretta igiene orale.

Fonti:

Consigliato

Rimedi contro il mal di gola: quali i più efficaci?

Esistono dei rimedi contro il mal di gola davvero efficaci per contrastare, ma soprattutto per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *