14 novembre, 2018
Home / Bellezza e Benessere / Muore Augusto Odone, il papà che creò l’olio di Lorenzo per salvare il figlio
Si è spento Augusto Odone, diventato famoso per aver inventato, nel tentativo di salvare il malato di Adl (adrenoleucodistrofia), l’olio di Lorenzo. Augusto Odone è morto, ma la storia di[...]






Muore Augusto Odone, il papà che creò l’olio di Lorenzo per salvare il figlio

Si è spento Augusto Odone, diventato famoso per aver inventato, nel tentativo di salvare il malato di Adl (adrenoleucodistrofia), l’olio di Lorenzo.

Augusto Odone è morto, ma la storia di quest’uomo resterà nella memoria di moltissime persone. Economista della World Bank, ma prima di tutto padre. Ha cercato in tutti i modi di salvare suo figlio affetto da Adl (adrenoleucodistrofia), una patologia che annulla poco alla volta sia le funzioni motorie sia quelle psichiche. È lui l’inventore dell’olio di Lorenzo, un trattamento che sfida la medicina tradizionale e che riesce a rallentare il corso della malattia.

Era il 1984 quando Augusto Odone scopre che il figlio Lorenzo, di soli 6 anni, era affetto da Adl. Una diagnosi tremenda, che equivale a una sorta di condanna a morte. Augusto e sua moglie Michaela non ricevono alcuna speranza dai medici, che prospettano al bimbo una vita davvero brevissima.

Fanno di tutto per salvare il bambino e riescono a inventare un olio a base di olio di oliva e colza che riesce a fermare l’Adl per alcuni anni la malattia. Non ci sono fondamenta scientifiche, ma il trattamento neutralizza l’accumulo di quelle sostanze tossiche che distruggono la mielina. Ci sono voluti quasi 30 anni, perché Hugo Moser, neurologo della Johns Hopkins University, sia in grado di riconoscere che quest’olio ha delle reali potenzialità.

Lorenzo confinato a letto, ma riesce a vivere fino al compimento del 30esimo compleanno, ben oltre a qualsiasi aspettativa. Muore nel 2008, 23 anni dopo la diagnosi a Washington, mentre la sua mamma si è spenta nel 2000 a causa di un tumore.

Odone ha trasformato la malattia di suo figlio, e quindi la ricerca di una cura, in una missione: nel 1989 nasce il “progetto Mielina”, un programma di ricerca che studia il funzionamento della guaina dei nervi e di conseguenza come distruggendosi a seguito di gravi malattie come l’Adl possa provocare numerosi morti. La sua storia è così bella e fascinosa, che nel 1998, con Nick Nolte e Susan Sarandon, per cui l’attrice vince un Oscar, sono i protagonisti del film «L’olio di Lorenzo». Augusto torna in Italia solo dopo la morte del figlio e si è spento a 80 anni ad Acqui Terme in Piemonte, all’età di 80 anni.

Foto | Pinterest

Muore Augusto Odone, il papà che creò l'olio di Lorenzo per salvare il figlio é stato pubblicato su Benessereblog.it alle 18:46 di venerdì 25 ottobre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Consigliato

Chirurgia maxillo facciale: il post operatorio

Le indicazioni terapeutiche degli interventi di chirurgia maxillo facciale sono numerose: questa particolare branca della …