20 agosto, 2018
Home / Bellezza e Benessere / Test Medicina 2013 | Sono usciti i risultati del test d’ingresso, in graduatoria il più bravo ha avuto 80,9
Sono usciti i tanto attesi risultati dei test d’ingresso a Medicina che si sono svolti lo scorso 9 settembre. Ora occorre ancora aspettare una settimana per capire con[...]






Test Medicina 2013 | Sono usciti i risultati del test d’ingresso, in graduatoria il più bravo ha avuto 80,9

Sono usciti i tanto attesi risultati dei test d’ingresso a Medicina che si sono svolti lo scorso 9 settembre. Ora occorre ancora aspettare una settimana per capire con precisione a quale ateneo ogni singolo candidato che ha superato la prova sarà destinato.
Senza il bonus maturità, che è stato abrogato proprio il giorno in cui si sono svolti gli esami, il punteggio massimo raggiunto è stato di 80,9. Nessuno è riuscito a ottenere il punteggio massimo di 90 punti.

Test Medicina 2013 | Domande non troppo difficili. Abrogato il bonus maturità

Lunedì 9 settembre 2013

Finito l’esame, gli aspiranti studenti di Medicina hanno appreso che il bonus maturità è stato abolito da subito e che dunque non inciderà sul loro punteggio. Ora, mentre in molti tenteranno altri test d’ingresso per il proprio piano B, l’attenzione sarà tutta concentrata sulla graduatoria nazionale che si conoscerà il 30 settembre e in base alla quale saranno distribuiti i poco più di 10.700 posti disponibili nelle facoltà di Medicina italiane.
Dai primi commenti sulle domande, come al solito, emerge che per alcuni sono state piuttosto semplici, per altri quasi impossibili. C’è chi si è già reso conto di non avercela fatta, chi è stato troppo lento e chi invece è molto ottimista. Nei prossimi giorni si deciderà il destino di migliaia di studenti, ma probabilmente si sentirà ancora parlare della protesta dei ragazzi di Link – Coordinamento Universitario contro il numero chiuso, l’altro tema che ci ha tenuti occupati in questa mattinata.

Le domande con le risposte corrette saranno presto disponibili a questo link.

Ore 13:23 – Alcuni studenti hanno definito le domande abbastanza facili, ma alcune, soprattutto quelle di cultura generale, piuttosto strane. Intanto ci si chiede se, visto l’annullamento del bonus maturità da quest’anno, chi ne aveva diritto farà ricorso.

Ore 13:21 – Su Twitter cominciano ad apparire i primi commenti dei ragazzi che hanno sostenuto stamattina l’esame di ammissione. C’è chi tira un sospiro di sollievo:

e c’è chi critica il Miur

Ore 13:10 – Il Presidente del Consiglio dei ministri Enrico Letta ha detto che dall’istruzione deve ripartire il Paese. Intanto ha preso la parola il ministro Carrozza che ha spiegato che il provvedimento interviene sul diritto allo studio con il consolidamento del fondo pluriennale per il finanziamento universitario, poi una parte di welfare per lo studente medio (per trasferimenti, vitto) da distribuire con bandi regionali. Altri interventi sul wi-fi nelle aule scolastiche, il caro-libri, la lotta alla dispersione scolastica, misure su sport e integrazione, l’orientamento degli studenti (che inizierà nel penultimo anno di superiori). Interventi anche sull’apertura pomeridiana delle scuole, progetti tra scuole e fondazioni culturali e musei. Il decreto si occupa anche del piano di assunzione degli insegnanti e della loro formazione e aggiornamento, dell’edilizia scolastica. Il governo ha inoltre deciso di investire sugli istituti musicali. Annunciando l’abrogazione del bonus maturità il ministro ha spiegato che si penserà a un altro modo per valorizzare il curriculum scolastico.

Ore 13:08 – Pare che a Palermo una ragazza sia stata portata via in ambulanza per un malore accusato durante il test, circa un’ora dopo l’inizio.

Ore 13:02 – Mentre i test di Medicina si sono conclusi, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sulla scuola. Il bonus maturità tanto discusso è stato annullato.

Ore 12:31 – I primi aspiranti medici sono usciti e sono stati assaliti dai giornalisti.

Ore 12:25 – Ormai manca pochissimo, tra un quarto d’ora tutti dovranno posare le penne e consegnare.

Ore 11:59 – Stanno giungendo al termine i primi 60 minuti di test, tra dieci minuti chi ha già finito può iniziare ad abbandonare l’aula, chi vuole restare fino alla fine, invece, ha altri 40 minuti di tempo per concludere.

Ore 11:39 – Molti dei ragazzi che in questo momento stanno affrontando il test d’ingresso a Medicina hanno già tentato altre prove d’ammissione o hanno intenzione di tentarle, chiaramente, con così pochi posti disponibili, anche i migliori devono avere pronto un piano B. Nella maggior parte dei casi si scelgono facoltà che abbiano qualche esame in comune con Medicina, in modo che, se l’anno prossimo si ritenta l’ingresso (magari con nuove regole) e si ha successo, si può recuperare un po’ di tempo. Perdere un intero anno in attesa di ritentare il test a Medicina chiaramente è sconsigliato a tutti.

Ore 11:23 – Da pochi minuti l’esame di ammissione a Medicina è iniziato in tutta Italia. Intanto si parla sempre di più delle proteste portate avanti dai ragazzi di Link

Ore 11:05 – Intanto ecco le foto della protesta pubblicate sull’account Facebook di Link – Coordinamento Universitario: questa è la protesta andata in scena stamattina a Tor Vergata, a Roma

Ore 11:00 – Test iniziato!

Ore 10:55 – Cinque minuti al via, ormai sono tutti al proprio posto, anche a Bologna

Ore 10:42 – Ormai è tutto pronto, meno di venti minuti e verranno aperti i plichi

Ore 10:37 – Ecco i volantini che da giorni vengono distribuiti dall’Udu contro il numero chiuso all’Università

Ore 10:25 – A Roma ci sono 9mila ragazzi, provenienti un po’ da tutta Italia, che oggi proveranno a superare i test, ma posti sono 909 a La Sapienza (e 7mila iscritti ai test) e 262 a Tor Vergata (con 2.200 partecipanti). Intanto proprio davanti a La Sapienza un gruppo di ragazzi dell’Udu si ha improvvisato un flash mo’ presentandosi con una maschera a forma del segnala stradale del “divieto di accesso”.

Ore 10:21 – Continuiamo a sdrammatizzare negli ultimi minuti di tensione con questo simpatico tweet

Ore 10:18 – Chi ora è assalito dall’ansia può smorzare la tensione leggendo tweet come questo, uno che ce l’ha fatta già da tempo e ora può fare i dispetti

Ore 10:07 – Ricordiamo brevemente che cosa si ritroveranno sul banco tra meno di un’ora coloro che sognano il camice bianco: 60 domande in totale, 5 di cultura generale, 25 di logica, 14 di Biologia, 8 di Chimica e 8 di Matematica e Fisica a cui rispondere in 100 minuti al massimo.

Ore 10:00 – Solo un’ora all’apertura dei plichi. Dopo tutto quello che è successo nei giorni scorsi durante i test per altre facoltà, è indispensabile prestare il massimo dell’attenzione al contenuto della busta che verrà consegnata agli aspiranti medici.

Ore 9:57 – nonostante la tensione qualcuno riesce a ridere e a scherzare con i compagni di avventura (o disavventura?). Ricordiamo che i posti disponibili sono meno di 11mila, ma i candidati più di 74mila.

Ore 9:39 – Già dalle ore 8:30 sono in corso le procedure di riconoscimento, ma manca ancora un’ora e 20 minuti prima dell’apertura dei plichi. Gli aspiranti studenti di Medicina verranno sistemati in base alla data di nascita e non in ordine alfabetico. In questo modo è difficile sapere chi si avrà più vicino. Verrà chiesto di lasciare i telefoni cellulari, ma non dovrebbero esserci dei rilevatori per trovarli.

Ore 9:33 – Ai ragazzi che si apprestano ad affrontare il test d’ingresso è bene ricordare che il tempo a disposizione è di 100 minuti e che si può lasciare l’aula a partire da mezzora prima della fine, quindi si deve star seduti almeno un’ora e 10 minuti.

Ore 9:18 – Quando si ha a che fare con i test d’ammissione, così come nel caso di qualsiasi concorso pubblico, il timore è sempre lo stesso: o raccomandati! Nonostante le risposte vadano inserite in una busta senza dati anagrafici si sa già che per alcuni test nei giorni scorsi le regole sull’anonimato sono state violate ed è stato chiesto di tenere un documento d’identità sul banco.

Ore 9:12 – L’ansia sale, ora i ragazzi che aspettano di cominciare in testa hanno una sola cosa: vedere le domande contenute nei plichi! Ogni ripasso negli ultimi minuti è inutile, è già troppo se ci si ricorda il proprio nome e cognome!

Ore 9:05 – Intanto negli atenei in cui si terranno i test a partire dalle 11 sono iniziate le procedure di riconoscimento. Qualcuno escogita un modo per eliminare la concorrenza…

Ore 8:50 – Proprio oggi a Milano, Padova, Bologna, Pisa, Roma, Napoli, Salerno, Foggia, Bari e Cosenza ci saranno le manifestazioni dei ragazzi del coordinamento universitario Link contro il numero chiuso. Le proteste andranno in scena stamattina davanti agli atenei e nel pomeriggio davanti agli ospedali. Gli studenti fanno notare che, oltre a a distruggere il diritto allo studio, questo sistema danneggia anche il diritto alla salute, perché il fabbisogno nazionale di personale medico-sanitario è insufficiente.

Ore 8:30 – Giornata impegnativa per gli aspiranti camici bianchi, è finalmente arrivato il fatidico 9 settembre 2013, giorno dei test d’ingresso a Medicina. Se ne ricorda, ovviamente, anche il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza, che dà il buongiorno prima di rimettersi al lavoro sul Consiglio dei Ministri di oggi che discuterà il decreto scuola:

Poi dà l’in bocca al lupo a tutti gli studenti che sono alle prese con l’esame d’ammissione

Oggi è anche il giorno in cui inizia l’anno scolastico per molti studenti.

Test Medicina 2013 | Domande, simulazione, valutazione: regole e consigli utili

Domenica 8 settembre 2013

Giornata impegnativa per il mondo dell’Università domani, lunedì 9 settembre. Alle ore 11 viene dato il via al temutissimo test d’ingresso a Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e nell’arco della stessa mattinata nei Palazzi romani del “potere” si discuterà il decreto scuola che probabilmente prevederà l’abolizione del discusso bonus maturità, quello di cui devono tenere conto coloro che stanno sostenendo i test di ammissione all’università quest’anno e che non era in vigore l’anno prossimo. Ci sarà un ritorno all’antico, insomma, senza bonus, o con un bonus diverso da quello attuale, ma gli studenti alle prese con i test in questo caldo settembre sono pronti a battagliare, sicuramente ci saranno ricorsi a destra e a manca e il discorso sull’esame d’ammissione non si chiuderà presto.

Gli oltre 70mila studenti che si contenderanno poco più di 10mila posti a Medicina conosceranno la loro posizione nella graduatoria nazionale il 30 settembre, quando sarà pubblicata nell’area del sito riservato agli studenti, accessoprogrammato.miur.it, mentre già dal 23 settembre il Cineca (il Consorzio Interuniversitario che si occupa dei test), per conto del Miur pubblicherà sullo stesso sito il punteggio in ordine decrescente ottenuto dai candidati, per ognuno dei quali non sarà indicato il nome, ma il codice identificativo nel rispetto delle norme sulla protezione dei dati personali.

Nel caso in cui ci siano candidati con lo stesso punteggio, ai fini della graduatoria sarà favorito il candidato che ha avuto un maggior punteggio nel test, poi in caso di ulteriore parità si terrà conto in ordine decrescente del punteggio ottenuto nella soluzione rispettivamente dei quesiti di cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica.

Test Medicina 2013: attenzione ai plichi!

Sabato 7 settembre 2013

Come se non bastasse l’ansia per una prova difficile e importante che lunedì farà venire la tachicardia a migliaia di aspiranti studenti di Medicina, a complicare l’attesa ci si mettono le notizie che arrivano sui test d’ingresso presentati nelle altre facoltà nei giorni scorsi. Oltre al caos a La Sapienza di Roma con lo scambio tra le domande di Biologia e quelle di Psicologia, altri guai ci sono stati anche a Parma e a Pavia, dove le prove di ammissione ai corsi per le Professioni sanitarie sono stati annullati.

Oltre al Codacons, che come abbiamo visto nei giorni scorsi sta preparando un ricorso contro l’attuale sistema dei test d’ingresso, ora anche l’Udu (Unione degli universitari) è pronta a presentare un suo ricorso e nel mirino c’è il bonus maturità che genererebbe delle discriminazioni tra gli studenti.

Insomma, l’impressione è che l’avventura (o disavventura) delle prove di ammissione alle facoltà a numero chiuso (Medicina compresa) non si concluderà il giorno del test, né quello in cui saranno svelate le graduatorie, ma avrà degli strascichi. Intanto la raccomandazione è sempre quella di esaminare subito con attenzione il contenuto del plico che vi verrà consegnato e tenere gli occhi aperti verificando che non vengano commesse scorrettezze da parte della commissione durante lo svolgimento della prova

Test Medicina 2013: attenzione all’apertura dei plichi!

Giovedì 5 settembre 2013

Ultimi giorni di preparazione al fatidico test d’ingresso a Medicina, la tensione sale, in alcuni casi si trasforma in panico, e c’è anche una giustificata paura degli imprevisti.

Sorprese in negativo possono capitare a tutti, compresi coloro che si occupano della gestione dei plichi in cui sono contenuti i preziosi test. È quello che è successo ieri a La Sapienza di Roma dove i ragazzi che si erano presentati per sostenere la prova d’ingresso a Biologia si sono ritrovati davanti le domande preparate per i futuri biologi.

Questo significa che quando aprirete i plichi, lunedì, dovrete stare attenti e guardare con attenzione tutti i fogli che estrarrete dalla busta e se noterete qualcosa di strano dovrete subito segnalarlo alla commissione d’esame.

Intanto, nelle ore che precedono la prova, concentratevi sulle materie in cui siete più “deboli” e soprattutto esercitatevi attraverso le simulazioni online che vi segnaliamo qui di seguito.

La mattina del test, invece, è importante arrivare in orario, lasciare il cellulare perché tenerlo con voi è solo un rischio (vi possono annullare la prova) e una perdita di tempo (pensate con la vostra testa, inutile cercare le risposte online). Assicuratevi anche di avere qualche merendina o caramella, perché anche se la prova dura 100 minuti potreste avere un calo di zuccheri.

Test Medicina 2013: come si calcola il bonus maturità

Martedì 3 settembre 2013

Oltre ad essere alle prese con lo studio matto e disperato per la prova d’ingresso di lunedì 9 settembre, gli aspiranti studenti di Medicina, così come quelli delle altre facoltà a numero chiuso, devono fare i conti (è davvero il caso di dirlo!) con il bonus maturità, un sistema un po’ complicato, tanto che servirebbe già una laurea solo per per capire come funziona…

Il bonus si aggiungerà al punteggio che lo studente otterrà alla prova d’ingresso di lunedì, e potrà essere al massimo di 10 punti, ma soltanto se si verificano due condizioni e cioè se il suo voto della maturità è pari o superiore 80/100 e se è pari o superiore all’80esimo percentile di riferimento.

Che cos’è l’80esimo percentile di riferimento? Si tratta del voto raggino o superato dal migliore 20% degli studenti che sono stati giudicati da una stessa commissione. Questo perché tra le varie scuole italiane e anche all’interno di una singola scuola ci sono spesso differenze di valutazione tra una commissione e l’altra, magari una è stata troppo “buona” e un’altra troppo “severa”. Poiché la graduatoria finale sarà su base nazionale, era necessario trovare un modo per appianare tali differenze e allora ecco il sistema dei percentili.

Trovate una spiegazione approfondita sul funzionamento del bonus maturità e le tabelle di riferimento in questo post, mentre sul sito www.universitaly.it del Miur potete controllare i singoli percentili di ogni scuola superiore italiana.

Test Medicina 2013: simulazione del test online

Lunedì 2 settembre 2013

Il test d’ingresso a Medicina serve per capire se l’aspirante studente è in possesso di una solida cultura generale in ambito letterario, storico-filosofico, sociale e istituzionale e se è in grado di sviluppare le capacità di ragionamento logico sia con le parole sia con i numeri. Inoltre occorre dimostrare di conoscere bene i programmi delle scuole superiori relativi a Biologia, Chimica, Matematica e Fisica.

Infatti, anche il ministro dell’Istruzione e dell’Università Maria Chiara Carrozza, nel corso di un’intervista rilasciata a Radio 1, ha sottolineato come sia più importante testare la conoscenza delle materie scientifiche, per questo, delle 60 domande totali, solo cinque sono di cultura generale, 25 di logica, 14 di Biologia, 8 di Chimica e 8 di Matematica e Fisica a cui rispondere in 100 minuti al massimo.

Il ministro ha anche raccomandato ai ragazzi di non prendere l’esame sotto gamba e di studiare, ma più di tutto vi suggeriamo si esercitarvi con i test simulati, un po’ come si fa prima dell’esame scritto per conseguire la patente.
Intanto uno studio dell’Università di Bari che è stato finanziato dal Ministero dell’Istruzione, ha dimostrato che la formula delle domande a risposta multipla penalizzano le donne, non perché siano meno preparate degli uomini ma perché sono più riflessive e meno istintive.

Non andate a cercare chissà quale test online, il migliore è quello del Miur e lo trovate a questo link. Appena lo finite potete sapere quale punteggio avete ottenuto, cosa avete sbagliato e quanto tempo ci avete messo.

Per chi vuole confrontarsi direttamente con gli altri aspiranti studenti di Medicina, su Facebook è stata organizzata una simulazione collettiva per domani, martedì 3 settembre. Alla fine ci sarà una vera e propria graduatoria che consentirà di capire come si è messi rispetto ai concorrenti.

Test Medicina 2013: come si sostiene la prova d’ingresso

31 agosto 2013

Il tempo stringe, il 9 settembre si avvicina inesorabilmente, resta poco tempo per studiare per quella che potrebbe rivelarsi una delle prove più importanti della vostra vita: il test d’ingresso alla facoltà di Medicina e Chirurgia. Se il vostro sogno è quello di pronunciare il giuramento d’Ippocrate, già vi immaginate in camice come Meredith Grey, o senza come il Dr. House, questi giorni sono fondamentali per ultimare la vostra preparazione. Qui su Benessereblog.it troverete tutte le indiscrezioni, i consigli, le indicazioni tecniche su come affrontare al meglio la prova d’ingresso e qui di seguito potete vedere anche il videotutorial del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per non sbagliare neanche un passo.

Abbiamo visto come da una parte alcuni atenei hanno migliaia di candidati per poche centinaia di posti disponibili, per esempio a Bologna, mentre in altri il numero di iscritti alle prove d’ammissione è inferiore a quello degli anni precedenti. In ogni caso la concorrenza è altissima e bisogna essere preparati al meglio per sperare di accedere alla facoltà dei vostri sogni e il test d’ingresso è un passo importante, sebbene in molti lo considerino ingiusto, tanto che il Codacons ha già deciso di presentare ricorso al Tar del Lazio perché ritiene che sia incostituzionale in quanto viola le leggi europee, infatti in molti Paesi non esiste e si concede a tutti il diritto di iscriversi a Medicina, ma ci sono dei metodi selettivi in seguito (per esempio in Francia chi dopo il primo anno non ha sostenuto tutti gli esami previsti dal programma non può continuare).

In Italia, invece, è il Decreto Ministeriale del 12 giugno 2013 numero 449 che ha determinato la nuove norme di ammissione ai corsi ad accesso programmato e in virtù di questo provvedimento gli studenti hanno dovuto integrare la loro iscrizione al test d’ingresso attraverso un sito messo a disposizione dallo stesso ministero, www.universitaly.it, operazione che hanno dovuto svolgere, anche se si erano già iscritti ai test, dal 25 giugno al 18 luglio. Ricordiamo che le facoltà interessate dal decreto, oltre a Medicina e Chirurgia/Odontoiatria, sono Veterinaria e i Corsi finalizzati alla formazione di architetto.

Compilando il form gli aspiranti medici hanno dovuto indicare l’ateneo in cui vogliono sostenere il test e le altre preferenze, poi hanno dovuto pagare il contributo per la partecipazione alla prova d’ingresso, una quota che è stabilita da ogni singolo ateneo. Particolarmente importanti le indicazioni degli atenei e l’ordine in cui vengono scelti, perché ogni candidato può concorrere solo per i posti disponibili nelle Università che ha indicato.

Per quanto riguarda l’assegnazione a un ateneo o a un altro, è fondamentale il punteggio ottenuto. Quindi, se un candidato ha indicato una sede come sua decima scelta e un altro candidato, che ha preso un punteggio inferiore, ha indicato la stessa sede ma come sua prima scelta, il posto in quella sede sarà assegnato al candidato che ha il punteggio più alto.

Test Medicina 2013: che cosa contiene il plico della prova d’ammissione

Che cosa succederà il 9 settembre? A cosa andranno incontro i ragazzi che sosterranno i test d’ingresso alla facoltà di Medicina? Ve lo spieghiamo passo per passo.

Prima dell’inizio della prova occorre verificare che tutte le scatole che contengono i plichi siano integre, quindi due studenti estratti a sorte tra gli iscritti ai test saranno chiamati a controllarne e certificarne l’integrità.
Ogni plico deve essere chiuso nella parte posteriore con l’etichetta del Miur. Se uno studente riscontra anomalie nel suo plico deve farsene dare un altro dalla commissione.
Occorre anche consegnare cellulari, palmari e quant’altro, altrimenti si rischia l’annullamento della prova.

All’interno del plico ci sono
– Un modulo anagrafica con un codice a barre identificativo della prova che è diverso per ogni candidato. In questo modulo occorre indicare nome, cognome, data e luogo di nascita e firmare;

– Fogli con le domande. Per ogni candidato l’ordine delle domande e delle risposte multiple è diverso! Perciò è inutile chiedere a un collega cosa ha risposto alla domanda numero 1 o alla 10, perché nel suo foglio non avranno lo stesso ordine.
Sui fogli delle domande noterete nella parte alla vostra sinistra dei trattini sul margine che servono per ragioni prettamente tecniche, per la verifica della completezza e della corretta sequenza delle domande nella fase di preparazione dei plichi.

Moduli per le risposte: sono due uguali, con lo stesso codice identificativo del modulo anagrafica. la seconda copia serve nel caso in cui siano stati commessi errori di compilazione nella prima che non si possono correggere o se la prima copia è stata danneggiata.

Foglio con l’indicazione di user name, password e indirizzo web dell’area riservata nel sito accessoprogrammato.miur.it da utilizzare quando saranno pronti i risultati per conoscere il proprio punteggio che sarà specificato per aree (logica e cultura generale, biologia, chimica, matematica e fisica) e nel totale. Si potrà verificare anche il punteggio ottenuto in ogni sezione del test, rivedere l’immagine scannerizzata del modulo che avete usato per le risposte (ricordiamo che la correzione è ottica).

Busta per le risposte: si tratta di una busta con una finestra trasparente, nella quale va inserito solo il modulo con le risposte destinato alla valutazione. Il modulo non va piegato e lo si deve riporre nella busta in modo che dalla finestra trasparente sia visibile il codice identificativo. Nella busta con le risposte NON va assolutamente inserito il modulo anagrafica, altrimenti la commissione annulla la prova. La busta non deve essere firmata né dal candidato, né dai membri della commissione.

In fase si valutazione il CINECA (il Consorzio Interuniversitario che è il maggior centro di calcolo italiano) utilizzerà il codice a barre identificativo di ogni prova e non il modulo anagrafica per determinare il punteggio e associare la sequenza delle risposte a quella delle domande.

Test Medicina 2013: come si compila il modulo delle risposte

Ricordate sempre che ogni foglio è contraddistinto da un codice a barre, dunque non potete scambiare il vostro foglio delle risposte con quello di un altro, altrimenti verrà corretto seguendo la sequenza di domande e risposte sbagliata.

Per ogni domanda ci sono cinque opzioni tra cui scegliere una soltanto (A, B, C, D, E). I quesiti sono divisi per area e cioè: cultura generale e ragionamento logico, chimica, biologia, fisica e matematica.

Si risponde usando una penna a inchiostro rigorosamente nero (al bando le penne blu o rosse), barrando con una crocetta ben marcata il quadratino corrispondente alla lettera cui corrisponde, secondo voi, la risposta esatta sulla riga del numero della domanda. Dovete rimanere nei bordi della casella ed evitare il completo annerimento della casella, perché questa modalità serve invece per modificare una risposta.
Per esempio: se avete inizialmente pensato che la risposta giusta è B e avete messo la vostra crocetta su tale lettera, ma poi avete cambiato idea e volete rispondere C, allora dovete annerire completamente la casella corrispondente alla risposta B e fare la crocetta nella casella C che sarà la vostra risposta definitiva. Non si può fare più di una correzione per ogni risposta.

Se invece volete annullare la risposta data senza indicarne un’altra o avete deciso di non rispondere affatto a quel quesito, allora dovete barrare il cerchietto che è presente affianco al numero della domanda, in questo modo in sede di valutazione per quella domanda verrà automaticamente dato punteggio zero. Una volta che avete barrato il cerchietto non potete più cambiare idea, quindi pensateci bene.

Quando avete finito, inserite il modulo con le risposte nell’apposita busta, chiudetela e consegnatela alla commissione. Separatamente consegnate anche il modulo anagrafica, i fogli con le domande e il secondo foglio per le risposte se non lo avete usato, annullandolo con una grossa croce e cancellando i codici a barre.
Tenete con voi il foglio con username, password e indirizzo web dell’area riservata.

Test Medicina 2013: come funziona il punteggio in fase di valutazione

Ecco come viene assegnato il punteggio in fase di valutazione:
– risposta non data 0 punti
– riposta sbagliata -0,4 punti
– risposta corretta 1,5 punti

Ricordate che conta molto il voto degli esami che, corretto in base alla media dell’istituto di provenienza, pesa per il 10% sul punteggio totale.

Qui di seguito potete vedere il video tutorial che il Miur ha diffuso per evitare che i candidati commettano errori di compilazione.

Test Medicina 2013 | Sono usciti i risultati del test d'ingresso, in graduatoria il più bravo ha avuto 80,9 é stato pubblicato su Benessereblog.it alle 20:08 di lunedì 23 settembre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.


Consigliato

Chirurgia maxillo facciale: il post operatorio

Le indicazioni terapeutiche degli interventi di chirurgia maxillo facciale sono numerose: questa particolare branca della …